clinica veterinaria san biagio

Cose utili da sapere

Le displasie articolari

Cosa sono le displasie dell’anca e del gomito? Sono le malattie ortopediche che più frequentemente affliggono il cane durante il delicato periodo dello sviluppo e che condizioneranno poi tutta la sua vita. Possono essere causa di notevole disagio per il proprietario e di grande sofferenza per i soggetti colpiti, limitandone pesantemente l’attività e compromettendone gravemente la qualità di vita.

Diversi fattori – genetici, ambientali, traumatici, nutrizionali- possono agire sulle articolazioni, alterandone la corretta conformazione, dando inizio a gravi danni degenerativi, comunemente noti con il termine di “artrosi” che si accompagna a dolore e zoppia.

 

Quali sono le razze più predisposte? Durante lo sviluppo, tutti i cani possono soffrire di displasia di anca e gomito; ma sono soprattutto i cani appartenenti a razze di media e grossa taglia (compresi i meticci), che soffrono maggiormente di questi gravi disturbi scheletrici.

 

Quali sono le cause? La displasia dell’anca e del gomito sono malattie multifattoriali. Alla predisposizione genetica possono sommarsi altri fattori, cha aggravano l’espressione della malattia displasica e/o ne accelerano il decorso.

  • Genetica: le displasie sono ereditarie! A trasmetterle non sono solo cani visibilmente displasici, ma possono farlo anche genitori che, pur essendo sani, sono in realtà portatori nel proprio DNA dei geni per la displasia e quindi sono potenzialmente in grado di trasmetterla alle generazioni future.
  • Alimentazione: diete ipercaloriche e iperproteiche provocano nei cuccioli, specie di taglia grande e gigante, un incremento del peso assai più rapido di quello previsto dallo standard di razza e, nel contempo, determinano un’accelerazione della crescita ossea, non controbilanciata da uno sviluppo proporzionale dei necessari supporti muscolari e legamentosi.
  • Eccessiva attività fisica
  • Traumi
  • Malattie ossee concomitanti

 

L’artrosi: inevitabile conseguenza! Con il passare del tempo ed il continuo movimento, la conformazione alterata provoca l’usura della cartilagine articolare ed innesca l’artrosi. Dispalsia ed artrosi sono tra loro profondamente legate. E’ a causa dell’artrosi che il cane comincia ad avvertire dolore, riduce la sua attività fisica, zoppica e fatica a muoversi.

 

DISPLASIE: come riconoscerle? La sintomatologia è subdola e molto variabile.   

Nelle forme più gravi i primi segni di displasia possono comparire già all’età di 3-4 mesi.

ATTENZIONE: i cuccioli che zoppicano in maniera evidente sono solo l’apice dei soggetti affetti da displasia. Spesso il cucciolo può apparire semplicemente riluttante a muoversi, a salire in macchina o sulle scale o presentare un’andatura rigida a piccoli passi.

Tutte manifestazioni che se sottovalutate o fraintese come atteggiamenti da cucciolo “pigro” (nessun cucciolo è pigro!) e dunque non trattate precocemente, sono destinate a peggiorare compromettendo gravemente la qualità di vita del cane a causa dell’artrosi che verrà ad instaurarsi anche in giovane età.

 

Cosa può fare il proprietario?

 

  • Scegliere cuccioli figli di genitori esentianche se, proprio in virtù della polifattorialità della displasia, non c’è mai la certezza che tutti i cuccioli nati da genitori senza displasia siano anch’essi liberi da questa malattia.

 

  • Diagnosi precoce. È raccomandato di sottoporre il cucciolo, specie se appartenente ad una razza predisposta, ad una precoce visita ortopedica con controllo radiografico, a:

                  4-4,5  mesi per le razze medio/grandi

                  4,5-5 mesi per le razze giganti    

           

            ATTENZIONEuna conformazione articolare alterata    diagnosticata anche solo con        poche settimane di         ritardo, può     portare a sviluppare artrosi a livelli tali da rendere vani      eventuali interventi chirurgici di prevenzione e costringere a       chirurgie di salvataggio molto più invasive!!!

 

  • Alimentazione adeguata. I cuccioli a rischio devono essere alimentati con diete specificatamente formulate in base alla loro taglia, età e stile di vita. Vanno evitati gli eccessi energetici e le esagerate integrazioni in minerali e vitamine.

 

  • Controllare l’esercizio. Evitare regimi di allenamento troppo intensi, in modo da ridurre l’uso eccessivo ed incontrollato delle fragili articolazioni in crescita.

 

LO STAFF MEDICO DELLA CLINICA VETERINARIA “SAN BIAGIO” RACCOMANDA DI SOTTOPORRE TUTTI I CUCCIOLI DI TAGLIA MEDIO/GRANDE E GIGANTE, DI RAZZA E NON, A VISITA ORTOPEDICA E CONTROLLO RADIOGRAFICO PER LA DIAGNOSI PRECOCE DI DISPLASIA DI ANCA E DI GOMITO

  • 4-4,5 mesi per le razze medio/grandi
  • 4,5-5 mesi per le razze giganti